COVID-19: EMILIA-ROMAGNA in ZONA ARANCIONE A PARTIRE DAL 15 NOVEMBRE 2020 - Comune di Castelvetro

archivio notizie - Comune di Castelvetro

COVID-19: EMILIA-ROMAGNA in ZONA ARANCIONE A PARTIRE DAL 15 NOVEMBRE 2020

 

 

MISURE IN VIGORE IN EMILA-ROMAGNA (aggiornato al 13 novembre 2020)*

 

L'ordinanza del 13 novembre del Ministro della Salute ha inserito l'Emilia-Romagna tra le regioni con scenario di rischio elevato (zona arancione), a partire dal 15 novembre.

 

L'ordinanza n. 216 del 12 novembre del presidente della Giunta regionale ha introdotto ulteriori misure restrittive valide per l'intero territorio regionale dal 14 novembre al 3 dicembre 2020.

 

Il  DPCM del 3 novembre 2020in vigore da venerdì 6 novembre a giovedì 3 dicembre 2020, stabilisce tre tipologie di intervento:

 

ci sono MISURE NAZIONALI RESTRITTIVE valide su tutto il territorio italiano (‘zona gialla’, nella quale è necessario contrastare la diffusione del virus), a cui si aggiungono ULTERIORI MISURE anti-Covid valide a livello REGIONALE a seconda che la regione rientri in uno scenario di ELEVATA GRAVITÀ (la cosiddetta “zona arancione”) o di MASSIMA GRAVITÀ (la cosiddetta "zona rossa").

 

Le regioni in cui si applicano le ulteriori misure previste nelle zone arancioni e rosse sono individuate con ordinanza del Ministro della Salute, sentiti i Presidenti delle Regioni interessate, sulla base del monitoraggio dei dati epidemiologici e dei dati elaborati dalla cabina di regia, sentito il Comitato tecnico scientifico.

L'Emilia-Romagna è stata inserita in ‘zona gialla’, criticità moderata, pertanto qui si applicano le misure restrittive previste per tutto il resto del territorio nazionale.

 

Il Consiglio dei ministri nella seduta del 7 ottobre ha deliberato la proroga dello stato di emergenza al 31 gennaio 2021 (vedi testo Delibera).

 

 

UTILIZZO DELLE MASCHERINE

 

In Emilia-Romagna, dal 14 novembre, fuori dalla propria abitazione l’uso della mascherina è sempre obbligatorio.

Sono esclusi:

  • le persone che stanno svolgendo attività sportiva;
  • i bambini di età inferiore ai sei anni;
  • le persone con patologie o disabilità incompatibili con l'uso della mascherina, nonché per coloro che per interagire con i predetti versino nella stessa incompatibilità.

Nel caso di momentaneo abbassamento della mascherina per consumare cibo o bevande o per il fumo, dovrà in ogni caso essere rispettata la distanza minima di un metro, salvo quanto disposto da protocolli o specifiche previsioni maggiormente restrittive.

 

Possono essere utilizzate mascherine di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso.

Si fa presente che le maschere ffp2 e ffp3 dotate di valvola espiratoria sono protettive per chi li indossa ma, permettendo l’uscita libera e non filtrata dell’espirato, non proteggono le persone circostanti. Quindi, al fine di una protezione anche delle persone circostanti, vanno utilizzate le maschere ffp2 e ffp3 senza valvola; nel caso di utilizzo di quelle con valvola espiratoria è necessario indossare in aggiunta una mascherina chirurgica.

L’utilizzo delle mascherine di comunità si aggiunge alle altre misure di protezione finalizzate alla riduzione del contagio (come il distanziamento fisico e l’igiene costante e accurata delle mani) che restano invariate e prioritarie.

 

SPOSTAMENTI

 

Dal 15 novembre 2020, spostamenti consentiti solo all’interno del proprio comune di residenza, dalle 5 alle 22, mentre sono vietati quelli verso altri comuni e quelli in entrata e uscita dalla regione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di salute, studio o necessità.

È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
Sono comunque consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa e' consentita.

È vietato ogni spostamento con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessita' o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune.

Dalle ore 22 alle ore 5 del giorno successivo sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.
Tali spostamenti devono essere giustificati compilando l'autodichiarazione.

Delle strade o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, può essere disposta per tutta la giornata o in determinate fasce orarie, la chiusura al pubblico, fatta salva la possibilità di accesso, e deflusso, agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private.

I soggetti con infezione respiratoria caratterizzata da febbre (maggiore di 37,5°) devono rimanere presso il proprio domicilio, contattando il proprio medico curante.

 

*fonte: https://www.regione.emilia-romagna.it/coronavirus

 

 

COMPORTAMENTI DA ADOTTARE

 

"Nuove sane abitudini" - 10 semplici pratiche per ripartire in sicurezza

Campagna a cura della Regione Emilia-Romagna e del Servizio Sanitario Regionale

 

 

NUMERI UTILI

 

numero di pubblica utilità istituito dal Ministero della Salute: 1500

 

numero verde Regione Emilia-Romagna 800 033 033

 

scheda riassuntiva dei numeri utili (Regione E-R e Ausl Modena)

 

 

 

 

PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATI SULL'EMERGENZA DA NUOVO CORONAVIRUS E SULLE MISURE ADOTTATE:

 

pagina della Presidenza del Consiglio dei Ministri con la normativa nazionale vigente in materia di Coronavirus

 

pagina della Presidenza del Consiglio dei Ministri dedicata al decreto #IoRestoaCasa, con le domande frequenti sulle misure adottate dal Governo

 

pagina del sito del Ministero della Salute sul nuovo Coronavirus, pagina del sito del Ministero della Salute dedicata alle FAQ sul Covid-19

 

pagina della Regione Emilia-Romagna sull'emergenza CORONAVIRUS: normativa, indicazioni, numeri di telefono utili

 

pagina dell'Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena sul Nuovo Coronavirus

 

 

 

 


Pubblicato il 
Aggiornato il