Comune di Castelvetro di Modena
Piazza Roma n. 5 - 41014 Castelvetro di Modena
Tel. +39.059.758811 - Fax: +39.059.790771
PEC : comune.castelvetro@cert.unione.terredicastelli.mo.it
C.F. e P.IVA: 00285350369
motore di ricerca

TITOLO IV
SERVIZI PUBBLICI LOCALI

 

Art. 40
(Servizi Pubblici Locali)

 

1 - Il comune garantisce l'erogazione di servizi pubblici locali allo scopo di realizzare fini sociali e promuovere lo sviluppo economico e civile della collettività, secondo i principi individuati dalla normativa vigente, nonché nel rispetto del principio della concorrenza e della normativa dell'Unione Europea;

 

2 - Il comune si impegna a collaborare con altri Enti Locali al fine di promuovere forme di gestione dei servizi pubblici locali a carattere sovracomunale, quando ciò garantisca meglio il raggiungimento degli obiettivi di economicità, efficacia ed efficienza nella gestione dei servizi medesimi, nonché di obiettivi di particolare rilevanza sociale quali la tutela dell'ambiente e della salute pubblica, l'uso razionale delle risorse, la sicurezza dei cittadini, e/o quando ciò rappresenti un beneficio per la propria comunità.

 

Art. 41
(Erogazione dei servizi di rilevanza economica)

 

1 - Ai fini dell'erogazione del servizio pubblico, il comune ne conferisce la titolarità:

 

a) a società di capitali individuate attraverso l'espletamento di gare con procedure ad evidenza pubblica;

 

b) a società a capitale misto pubblico privato, ove il socio privato è scelto attraverso l'espletamento di gare con procedure ad evidenza pubblica, nel rispetto delle norme interne e comunitarie in materia di concorrenza;

 

c) a società a capitale interamente pubblico, secondo il modello c.d. in house providing, nei limiti stabiliti dall'art. 113, co. 5, lett. c del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267.

 

2 - I rapporti del comune con le società di erogazione del servizio e con le società di gestione delle reti sono regolati da contratti di servizio - da allegare ai capitolati di gara - comprensivi dei livelli di servizi da garantire nonché degli strumenti per verificarne il pieno raggiungimento.

 

Art. 42
(Gestione delle reti, degli impianti e delle altre dotazioni patrimoniali)

 

1- Qualora provveda a separarla dall'attività di erogazione dei servizi, per la gestione delle reti, degli impianti e delle altre dotazioni patrimoniali, il comune si avvale:

 

a) di società di capitali, allo scopo costituita, a partecipazione totalitaria di capitale pubblico, anche tramite affidamento diretto di tale attività nel rispetto dei requisiti previsti dall'art. 113, co. 4 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (Testo Unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali), come modificato dalla legge 24 dicembre 2003, n. 350;

 

b) di imprese idonee da individuare mediante procedure ad evidenza pubblica, ai sensi dell'art. 113, co. 7 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267.

 

2 - Nei casi in cui la gestione della rete non sia stata affidata con gara ad evidenza pubblica, i soggetti gestori procedono all'esecuzione dei lavori connessi alla gestione della rete mediante contratti di appalto o di concessione di lavori pubblici ovvero in economia, secondo quanto stabilito dall'art. 113, co. 5 ter del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267.

 

3 - Qualora la gestione della rete sia stata affidata con procedure di gara, il gestore può realizzare direttamente i lavori connessi, purchè qualificato ai sensi della normativa vigente e purchè la gara abbia avuto ad oggetto sia la gestione del servizio sia l'esecuzione dei lavori. Se, invece, nell'oggetto della gara espletata rientrava la sola gestione il gestore deve appaltare i lavori a terzi con procedure ad evidenza pubblica.

 

4 - Nei casi in cui sia economicamente più vantaggioso, il comune può affidare con gara una pluralità di servizi pubblici locali diversi da quelli del trasporto collettivo.

 

Art. 43
(Proprietà delle reti, degli impianti e delle altre dotazioni patrimoniali)

 

Qualora le normative di settore lo consentano, il comune, anche in forma associata con altri Enti Locali, può conferire la proprietà delle reti, degli impianti e delle altre dotazioni patrimoniali a società a capitale interamente pubblico, che è incedibile.

 

Art. 44
(Servizi privi di rilevanza economica)

 

1 - I servizi pubblici locali privi di rilevanza economica sono gestiti mediante affidamento diretto a:

 

a) istituzioni;

 

b) aziende speciali anche consortili;

 

c) società a capitale interamente pubblico, nei limiti di quanto stabilito dall'art. 113, co. 1 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267;

 

ovvero mediante gestione in economia quando, per le modeste dimensioni o per le caratteristiche del servizio, non sia opportuno procedere all'affidamento ai soggetti di cui al comma 1.

 

2 - Il comune può ricorrere all'affidamento diretto dei servizi culturali e del tempo libero anche ad associazioni e fondazioni da esso stesso costituite o partecipate.

 

3 - I rapporti tra il comune ed i soggetti erogatori dei servizi privi di rilevanza economica sono regolati da contratti di servizio.

 

 

ultima modifica:  28/06/2007
Agenda
Eventi, appuntamenti, iniziative, corsi, manifestazioni...
Calendario Eventi
<< maggio 2019 << L M M G V S D     1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31                  

festeggiamo insieme l'ultimo giorno di scuola

venerdì 7 giugno 2019 al Parco di Via Parni dalle ore 15:00 

locandina